Principale Anemia Le donne incinte hanno l'anemia, è necessario ricevere immediatamente trasfusioni di sangue?
Le donne incinte hanno l'anemia, è necessario ricevere immediatamente trasfusioni di sangue?

Le donne incinte hanno l'anemia, è necessario ricevere immediatamente trasfusioni di sangue?

Anonim

L'anemia è un problema di salute che spesso si manifesta nelle donne in gravidanza. Sebbene abbastanza comune, l'anemia non deve essere sottovalutata. L'anemia nelle donne in gravidanza del primo trimestre può aumentare il rischio di parto pretermine, bambini con basso peso alla nascita (LBW) e punteggi APGAR bassi.

Quindi, avere l'anemia durante la gravidanza ti rende sicuramente necessario ottenere un donatore di sangue in modo che non causi i rischi sopra?

Le donne in gravidanza sono inclini a carenza di ferro

L'anemia nelle donne in gravidanza tende a essere causata da problemi di carenza di ferro dovuti all'assunzione di cibo. Questa anemia si chiama anemia sideropenica.

In effetti, la necessità di ferro aumenterà gradualmente gradualmente durante la gravidanza. All'inizio avrai solo bisogno di altri 0, 8 mg di ferro al giorno nel primo trimestre, fino a 7, 5 mg al giorno nel terzo trimestre.

Tuttavia, il ferro proveniente dal solo cibo non sarà in grado di soddisfare le tue esigenze durante la gravidanza. Ecco perché le donne incinte hanno bisogno di integratori di ferro aggiuntivi.

Durante la gravidanza, la madre richiede un'ulteriore assunzione di ferro per garantire che il processo di crescita del feto stia andando bene e mantenere condizioni placentare ottimali. Assunzione inadeguata di ferro da alimenti e farmaci che aumentano il sangue, nonché per evitare il rischio di perdere molto sangue durante il travaglio in seguito.

Segni e sintomi di anemia nelle donne in gravidanza

A differenza della normale anemia, l'anemia nelle donne in gravidanza tende a essere influenzata dai cambiamenti negli ormoni del corpo che influenzano il processo di produzione di cellule del sangue.

Le donne in gravidanza hanno generalmente un aumento del volume del plasma sanguigno fino al 50% circa alla fine del secondo trimestre, mentre i globuli rossi aumentano solo del 25-30% circa. Ciò causerà una diminuzione dei livelli di emoglobina (Hb). L'anemia stessa si verifica quando la quantità di emoglobina nel sangue diminuisce drasticamente.

Un altro cambiamento legato alla produzione di sangue che si riscontra anche in quasi il 10% delle donne in gravidanza in buona salute è una diminuzione dei livelli piastrinici (piastrinici) che sono al di sotto del normale - quindi circa 150.000-400.000 / uL. Questa condizione si chiama trombocitopenia.

È importante sapere per prevenire il rischio di ottenere trasfusioni di sangue non necessarie a causa di interpretazioni errate dei risultati degli esami del sangue durante la gravidanza.

Le donne in gravidanza devono controllare regolarmente i livelli di emoglobina

Secondo i Centers for Disease Control and Prevention (CDC) negli Stati Uniti, l'anemia nelle donne in gravidanza è definita in base all'età gestazionale, ovvero livelli di Hb di 11 gr / dL o Hct <33% nel primo e terzo trimestre e livelli di Hb <10, 5 g / dL o Hct <32% nel secondo trimestre.

Nel frattempo, secondo l'Organizzazione mondiale della sanità (OMS), in generale, si dice che una donna incinta abbia anemia se il suo livello di emoglobina (Hb) è inferiore a 11 g / dL o l'ematocrito (Hct) è inferiore al 33 percento.

Considerando il rischio di complicazioni da anemia nelle madri e nei bambini, ecco perché il Ministero della Salute della Repubblica di Indonesia raccomanda a ogni donna incinta di sottoporsi a un esame del sangue di routine (incluso per controllare i livelli di Hb). Idealmente, una volta durante il primo esame prenatale e di nuovo nel terzo trimestre.

Quindi, quando una donna incinta ha bisogno di una trasfusione di sangue?

Si dice che l'anemia sia in una fase grave e deve essere portata al pronto soccorso quando il livello di Hb è inferiore a 7 g / dL. Tuttavia, la decisione di ottenere una trasfusione per le donne in gravidanza richiede ancora un'attenta valutazione delle esigenze, nonché dei rischi e dei benefici.

Se il tuo ostetrico valuta l'anemia che rende la tua gravidanza ad alto rischio di emoglobinopatia o grave perdita di sangue durante il parto (sia normale che cesareo), il medico può decidere di trovare immediatamente un donatore di sangue adatto a te.

Si raccomanda inoltre alle donne in gravidanza con livelli di emoglobina di circa 6-10 g / dL di ottenere trasfusioni di sangue immediate se hanno una storia di emorragia postpartum o precedenti disturbi ematologici.

La trasfusione è necessaria se l'anemia fa scendere drasticamente i livelli di Hb della donna incinta a meno di 6 g / dL e si partorirà in meno di 4 settimane.

Gli obiettivi delle trasfusioni nelle donne in gravidanza in generale sono:

  • Hb> 8 g ​​/ dL
  • Piastrine> 75.000 / μL
  • Tempo di protrombina (PT) <1, 5x controllo
  • Tempo di protrombina attivato (APTT) <1, 5x controllo
  • Fibrinogeno> 1, 0 g / l

Ma va ricordato, la decisione del medico di fare una trasfusione di sangue non è solo guardando solo il livello di emoglobina. Se secondo il medico la gravidanza è stabile o non rischiosa anche se il livello di Hb è inferiore a 7 g / dL, non è necessaria una trasfusione di sangue.

Inoltre, la trasfusione di sangue non può essere vista come una soluzione per eliminare le cause sottostanti di anemia nelle donne in gravidanza o per migliorare altri effetti collaterali causati da carenza di ferro.

Suggerimenti per prevenire l'anemia nelle donne in gravidanza

Il CDC raccomanda che tutte le donne in gravidanza assumano 30 mg di integratori di ferro al giorno dal primo controllo ostetrico.

Nel frattempo, l'OMS e il Ministero della salute indonesiano raccomandano un integratore di ferro da 60 mg per tutte le donne in gravidanza non appena diminuiscono i sintomi di nausea e vomito (nausea mattutina).

Non dimenticare di prendere il folato prima di rimanere incinta!

Sebbene la maggior parte dei casi di anemia nelle donne in gravidanza siano causati da carenza di ferro, alcune donne in gravidanza sono anche inclini all'anemia a causa della carenza di acido folico.

L'acido folico è una fonte molto importante di nutrizione per le donne in gravidanza. Attualmente, l'integrazione di acido folico è necessaria per tutte le donne in gravidanza a causa della sua funzione che aiuta il processo di sintesi del DNA fetale durante la gravidanza e per la rigenerazione dei tessuti del corpo materno.

Leggi anche:

  • Guida sicura per ottenere trasfusioni di sangue durante la gravidanza
  • 4 condizioni che rendono le donne in gravidanza necessitano immediatamente di trasfusioni di sangue

Condividi questo articolo:

Condividi questo:

  • Fai clic per condividere su Facebook (Si apre in una nuova finestra)
  • Fai clic per condividere su Twitter (Si apre in una nuova finestra)
  • Fai clic per condividere su WhatsApp (Si apre in una nuova finestra)
  • Fai clic per condividere su Tumblr (Si apre in una nuova finestra)
  • Fai clic per condividere su LinkedIn (Si apre in una nuova finestra)
  • Fai clic per condividere su una nuova linea (Si apre in una nuova finestra)

Data recensione: 26 luglio 2019 | Ultima modifica: 26 luglio 2019

fonte

1. JPAC - Linee guida per la trasfusione [Internet]. Transfusionguidelines.org. 2018 [citata il 2 ottobre 2018]. Disponibile da: https://www.transfusionguidelines.org/transfusion-handbook/9-effective-transfusion-in-obstetric-practice/9-4-major-obstetric-haemorrhage

2. Achebe M, Gafter-Gvili A. Come tratto l'anemia in gravidanza: ferro, cobalamina e acido folico. 2018.

3. Manuale dei servizi sanitari materni nelle strutture sanitarie primarie e di riferimento. 1a ed. Jakarta: Ministero della sanità della Repubblica di Indonesia; 2013.

4. Jadon A, come R. Le pratiche di trasfusione di sangue in anestesia ostetrica. Indian Journal of Anesthesia. 2014; 58 (5): 629.