Principale Anemia Fattori di rischio e cause di anemia emolitica
Fattori di rischio e cause di anemia emolitica

Fattori di rischio e cause di anemia emolitica

Anonim

Quali sono le cause dell'anemia emolitica?

L'anemia emolitica è causata dalla distruzione dei globuli rossi troppo presto. I globuli rossi sono stati distrutti e rimossi dal flusso sanguigno prima della fine del normale ciclo di vita cellulare.

Molte malattie, condizioni e fattori possono stimolare il corpo a distruggere i globuli rossi. Queste cause possono essere ereditate o acquisite. " Ereditato " significa che i tuoi genitori diminuiscono i geni che innescano la condizione, mentre " acquisito " significa che non hai un gene innescante, ma il tuo corpo sviluppa la condizione stessa.

In alcuni casi, la causa dell'anemia emolitica non viene rilevata.

Anemia emolitica ereditaria

I pazienti con anemia emolitica ereditaria hanno un gene che controlla la produzione di globuli rossi. I geni difettosi dei globuli rossi sono ereditati da uno o entrambi i genitori.

Diversi tipi di geni difettosi possono causare vari tipi di anemia emolitica ereditaria. I disturbi dei globuli rossi causati da geni difettosi coinvolgono emoglobina, membrane cellulari o enzimi che mantengono i globuli rossi sani.

Le cellule anomale sono molto fragili e si rompono quando si muove attraverso il flusso sanguigno. Se ciò accade, un organo chiamato milza rimuoverà i detriti cellulari dal flusso sanguigno.

Anemia emolitica acquisita

L'anemia emolitica acquisita dal corpo del paziente produrrà normali globuli rossi. Tuttavia, varie malattie, condizioni o altri fattori causano la distruzione delle cellule del sangue. Le condizioni che innescano la distruzione dei globuli rossi sono:

  • Disturbi del sistema immunitario
  • infezione
  • Reazioni a droghe o trasfusioni di sangue
  • Ipersplenismo.

Chi è a rischio di anemia emolitica?

L'anemia emolitica può colpire tutte le età, razze e sessi. Tuttavia, alcuni tipi di anemia emolitica si verificano comunemente in alcune popolazioni. Ad esempio, la maggior parte dei casi di deficit di glucosio-6-fosfato deidrogenasi (G6PD) si verificano in uomini di origine africana o mediterranea. Negli Stati Uniti, questa condizione colpisce gli afroamericani più spesso dei caucasici.

Come prevenire l'anemia emolitica?

Non è possibile prevenire l'anemia emolitica ereditaria, ad eccezione dei casi di deficit di glucosio-6-fosfato deidrogenasi (G6PD).

Se sei nato con carenza di G6PD, puoi evitare di innescare queste condizioni, ad esempio evitando fave, naftalene (una sostanza che si trova comunemente nella canfora) e alcuni farmaci (secondo il parere del medico).

Alcuni tipi di anemia emolitica ottenuti sono generalmente prevenibili, ad esempio trasfusioni di sangue. La reazione del corpo alla trasfusione di sangue (che può causare anemia emolitica) può essere prevenuta abbinando il gruppo sanguigno del donatore al paziente.

L'assistenza prenatale rapida e appropriata può anche aiutarti a evitare il problema dell'incompatibilità con Rh. Questa condizione può verificarsi durante la gravidanza se una donna ha sangue Rh negativo mentre il suo bambino ha sangue Rh positivo. "Rh-negativo" e "Rh-positivo" si riferiscono alla presenza o all'assenza del fattore Rh nel sangue. Il fattore Rh è una proteina presente nei globuli rossi.

L'incompatibilità del Rh può causare anemia emolitica nel feto o nel neonato.

Quali sono i sintomi dell'anemia emolitica?

In caso di lieve anemia, potresti non avvertire alcun sintomo. Tuttavia, se l'anemia continua a svilupparsi, i sintomi iniziali che possono verificarsi sono:

  • Facilmente irritato
  • Sentirsi deboli o stanchi più spesso del solito
  • mal di testa
  • Difficoltà a concentrarsi o pensare

Condividi questo articolo:

Condividi questo:

  • Fai clic per condividere su Facebook (Si apre in una nuova finestra)
  • Fai clic per condividere su Twitter (Si apre in una nuova finestra)
  • Fai clic per condividere su WhatsApp (Si apre in una nuova finestra)
  • Fai clic per condividere su Tumblr (Si apre in una nuova finestra)
  • Fai clic per condividere su LinkedIn (Si apre in una nuova finestra)
  • Fai clic per condividere su una nuova linea (Si apre in una nuova finestra)

Data di revisione: 20 gennaio 2017 | Ultima modifica: 20 gennaio 2017

fonte

http://www.nlm.nih.gov/medlineplus/ency/article/000571.htm

http://www.nhlbi.nih.gov/health/health-topics/topics/ha/atrisk

http://www.nhlbi.nih.gov/health/health-topics/topics/ha/causes